Parlare in “al” pubblico

Qual é la strategia più efficace per imparare a parlare in pubblico?
La risposta è semplice ed immediata: parlare di qualcosa che ci appartiene profondamente e che padroneggiamo grazie alle nostre esperienze o ai nostri studi e che, dunque, sappiamo di sapere. Parlare di qualcosa che ha colpito la nostra attenzione e catturato il nostro interesse. Parlare di qualcosa che desideriamo veramente trasmettere e comunicare ai nostri ascoltatori. E soprattutto dedicare non 10 minuti a preparare il nostro discorso bensì … 10 ore!

Ecco nove principi che ti aiuteranno moltissimo a preparare il tuo discorso:

1.

Fai brevi note delle cose interessanti che vuoi menzionare.
Puoi scrivere qualche appunto su dei foglietti o preparare degli schemi contenenti le parole chiave che ti permettano di ricordare i concetti che tratterai.
2. Non scrivere il tuo discorso.
Perché? Perché ciò ti porterà a parlare utilizzando termini propri del linguaggio scritto, piuttosto che formulare frasi semplici ed immediate che ti permetteranno di parlare in modo sciolto e naturale risvegliando l’entusiasmo dei tuoi ascoltatori.

3. Mai, mai, mai imparare un discorso parola per parola.
Memorizzare un discorso implica correre un duplice rischio: il primo è quello di dimenticarlo, il secondo è quello di sembrare artificiali nella sua esposizione ed avere uno sguardo assente ed un tono di voce distaccato. Se devi preparare ed affrontare un discorso molto lungo, scrivi qualche appunto su un foglietto che potrai tenere in mano e al quale dare un’occhiata ogni tanto.

4.

Arricchisci il tuo discorso con immagini ed esempi.
Il modo più semplice per rendere un discorso interessante, memorabile e comprensibile è quello di arricchirlo con molti esempi. La cosa più difficile nel preparare un discorso non è infatti trovare l’idea giusta o identificare ed esporre i contenuti, bensì trovare le immagini e gli esempi che esprimono quelle idee e concetti in modo chiaro, vivido ed indimenticabile. Senza “un’ancora mentale” che si imprime nella nostra memoria, dimentichiamo ben presto anche il discorso più brillante al quale abbiamo assistito.
5.

Approfondisci il tuo argomento.
Fai in modo di diventare un vero e proprio esperto sull’argomento che stai trattando, raccogliendo il maggior numero di informazioni e conoscenze possibili. Ciò significa avere una risorsa preziosissima e una fonte in più, soprattutto nell’affrontare domande specifiche o insidiose e nel soddisfare ogni richiesta di approfondimento.
6.

Prova il tuo discorso conversando con i tuoi colleghi.
Far pratica ed esercitarsi con i propri amici e colleghi è mille volte meglio che farlo da soli, gesticolando davanti ad uno specchio!
7.

Usa supporti visivi quando sono appropriati.
L’uso di supporti audiovisivi può migliorare una presentazione, ma allo stesso tempo essi introducono potenziali ostacoli che bisogna superare se si vuole arrivare ad una presentazione eccellente. Per questa ragione il fulcro di una presentazione deve sempre rimanere il relatore e non il supporto. Scegli i supporti di volta in volta in modo tale che siano quanto più coerenti ed appropriati allo scopo, alle dimensioni del pubblico, alla strategia e al contenuto del messaggio, nonché alla disponibilità di risorse per prepararli e al “taglio” generale della presentazione.
8.

Controlla le “farfalle” nello stomaco (tensione e nervosismo):

* attraverso alcuni respiri profondi
* ripetendoti (mentalmente o a voce alta) frasi di incoraggiamento
* con un po’ di attività fisica

9. Non imitare gli altri. Sii te stesso!
È un consiglio valido in ogni ambito della nostra vita personale e professionale. Ciascuno di noi è unico ed originale! Nessuno è mai stato esattamente come noi e nessuno lo sarà mai in futuro. È dunque fondamentale fare delle proprie peculiarità e individualità un punto di forza. Il discorso che ti prepari ad affrontare è parte integrante di te e rappresenta le tue esperienze e convinzioni, esprime la tua personalità e il tuo modo di vivere ed interpretare il mondo.

Share

Be the first to comment on "Parlare in “al” pubblico"

Leave a comment