Come avviare un Bar o un Ristorante

 

Attività quali bar, caffè ecc. sono definite dalla legge come “esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande” o più precisamente “locali di vendita per il consumo sul posto” intendendosi per “posto” il locale dell’esercizio o una superficie aperta al pubblico attrezzati a questo scopo.

Tipi di esercizi pubblici
Gli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande si suddividono in 3 tipologie:
– tipo A: esercizi di ristorazione ovvero ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari;
– tipo B: esercizi per la somministrazione di bevande (bar, caffè gelaterie, pasticcerie ed esercizi simili);
– tipo D: esercizi di tipo B nei quali è esclusa la somministrazione i bevande alcoliche di qualsiasi gradazione.

Requisiti
Per aprire un pubblico esercizio nel proprio comune è necessario rivolgersi ai competenti uffici comunali poiché con la Legge Bersani le regole sono cambiate verso una maggiore liberalizzazione ma comuni e regioni si regolano diversamente.
Dal Decreto Bersani per la liberalizzazione del commercio, introdotto nel 1998, le Regioni e i Comuni hanno avviato l’adeguamento dei propri regolamenti e direttive;, è necessario quindi consultare i singoli regolamenti in materia di pubblici esercizi emanati dal Comune dove si vuole aprire il nuovo locale.

I requisiti necessari in generale sono:

a) maggiore età ad eccezione del minore autorizzato a norma di legge all’esercizio di attività commerciale;

b) obbligo scolastico assolto;

c) aver frequentato con esito positivo corsi professionali istituiti o riconosciuti dalle regioni o dalle province autonome, riguardanti l’attività di somministrazione di alimenti e di bevande, o corsi di una scuola alberghiera o di altra scuola a specifico indirizzo professionale, o aver superato un esame di idoneità all’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e di bevande presso la Camera di Commercio. Sono ammessi a questo esame coloro che sono in possesso di titolo di studio universitario o di istruzione secondaria superiore nonché coloro che hanno prestato servizio, per almeno due anni negli ultimi cinque anni, presso imprese esercenti attività di somministrazione di alimenti e di bevande, in qualità di dipendenti qualificati addetti alla somministrazione, alla produzione o all’amministrazione o, se si tratta di coniuge, parente o affine entro il terzo grado dell’imprenditore, in qualità di coadiutore.


Per ulteriori informazioni, contattare direttamente lo sportello d’orientamento pubblico per la creazione di un’attività imprenditoriale (talvolta la dizione è diversa ma la funzione è la stessa, aiutare ad aprire una nuova attività).

Presso tale sportello sono disponibili i seguenti servizi:
•analisi dei pro e dei contro delle diverse connotazioni possibili dell’impresa immaginata
•informazioni sui vari adempimenti amministrativi per poter operare
•delucidazioni su oltre tremila tipi di attività, con riferimento a obblighi, autorizzazioni, permessi e divieti stabiliti dalla molteplice legislazione nazionale e locale
•informazioni sulle opportunità di finanziamento garantite da norme dello Stato o delle Regioni
•iniziative formative in materia di business plan, marketing, e altre tematiche gestionali di interesse
•consultazione e acquisizione di documentazione specifica

Se pensi che  ti possa essere d’aiuto ad evitare  il più possibile i rischi d’impresa , allora contattami, Buona fortuna.


Share