2013 nero: in 8 mesi chiuse 50mila imprese

Il 2013 è ancora un anno nero per il settore del commercio e del turismo. Nei primi 8 mesi hanno chiuso i battenti 50mila imprese, con 32mila cessazioni nel commercio e 18mila del turismo. Considerando l’avvio di nuove attività, il saldo è negativo di quasi 20mila unità. Se continua così, a fine 2013 si saranno perse per sempre 30mila imprese e almeno 90mila posti di lavoro. Soffrono anche le attività di alloggio e ristorazione, che perdono per sempre 5.111 attività, con 12.623 nuove imprese e 17.734 cessazioni. Insomma la crisi “svuota” le città di bar, ristoranti e hotel.


Ma, soprattutto, è drammatico il tracollo della moda: nei primi 8 mesi dell’anno, una cessazione su 4 nel commercio è un negozio di abbigliamento. Ma i negozi del web continuano a crescere. Secondo le rivelazioni dell’Osservatorio Confesercenti, infatti, le imprese di commercio al dettaglio che vendono attraverso internet sono aumentate, negli ultimi 20 mesi, del 24,5%. “Occorre cambiare mentalità – avverte Bussoni, segretario generale di Confesercenti – senza internet e senza eCommerce non si può più pensare di sopravvivere a lungo sul mercato. Le nuove imprese devono essere accompagnate nel loro percorso, dobbiamo sostenere le start-up.”

Share

Be the first to comment on "2013 nero: in 8 mesi chiuse 50mila imprese"

Leave a comment